Archive for May, 2015

Un quarto dei Diabetici non sa di esserlo? Contraddizione della Glicemologia.

May 8, 2015

Secondo le informazioni dell’establishment un quarto dei diabetici al mondo non sa di esserlo per mancata diagnosi. E’ una affermazione, a mio parere, sorprendentemente riduttiva,  che sottolinea la sconfitta della Glicemologia e la contraddizione nei termini. Se non c’è diagnosi di diabete come si è autorizzati a simili affermazioni?

Oggi, infatti,  con i reperti del Laboratorio si possono riconoscere il IV e V Stadio del T2DM, secondo la classificazione di chi scrive. In realtà,  i primi Tre Stadi Diabetici sfuggono a qualsiasi sofisticato Laboratorio, i cui dati non si potrebbero ottenere per tutti gli abitanti del mondo  per ragioni organizzative ed econmiche.

E’ impensabile eseguire a TTTI – tutti possono ammalate di T2DM secondo la presente Glicemologia che ignora il Reale Rischio Congenito dipendente dalla Costituzione Diabetica –  Test Orale da Carico di Glucosio e Clamping normoglicemico iperinsulinemico, per esempio.

Scriveva in una mail (!) un gettonato oncologo  italiano del Nord Italia che non era diabetico perché la glicemia a adigiuno risultava entro i valori normali. No comment.

Se si considera che le cosiddette “complicazioni” diabetiche, micro- e macro-angiopatiche – che  sono gli  ignorati Reali Rischi Congeniti di CVD nel diabetico, come sosteneva il Prof. Butturini,  sono presenti alla nascita e quindi  iniziano decenni prima dell’insorgenza della fenomenologia clinica e laboratoristica diabetica, comprendiamo l’attuale desolante situazione della conoscenza del T2DM, come viene insegnata nelle Università del mondo.

La microangiopatia diabetica non esiste: unico segno distintivo la Degenerazione a Favo d’Api (Honey-coomb like degeneration) che troviamo nel tratto intermedio ad S di corpuscoli in verità presenti non numerosi nel corpo umano.

Politicamente corretta, la sostituzione della Diabetologia con la “glicemologia” si è rivelata la principale causa dell’epidemia diabetica in continuo aumento: nel 2025 nel mondo l’OMS prevede circa 360 milioni di diabetici.

Non sono stupito di quanto sopra riferito se penso che oggi sono curati i diabetici nell’oblio dell’oblio della Prevenzione Pre-Primaria e Primaria rivolta ai loro familiari della linea materna!

 

Advertisements

Cari Diabetologi, vorrei informarvi che non tutti gli individui possono essere colpiti dal T2DM.

May 8, 2015

Tra le numerosissime  errate  credenze dei  Diabetologi, una è per me insopportabile segno di mancato aggiornamento, causa di terrorismo psicologico e del perseverare dell’epidemia diabetica in continuo aumento: credere che tutti gli individui possano diventare diabetici, anche se con diversa probabilità.  Questo è assoltamente falso e contradditorio al tempo stesso.

Infatti, questo generale atteggiamento dei Diabetologi, corroborato dalla richiesta della glicemia a TUTTI gli assistiti che si presentano al PS, al loro Medico curante, o sono ricoverati in Ospedale, è tra l’altro sfacciatamente contradditorio. Pertanto, lo stigmatizzerò nella mia Lectio Magistralis il 23 maggio pv. ore 15, Auditorium Hotel Santoli, dove invito “almeno” i Diabetologi della vicina Bologna per ascoltare finalmente le loro argomentazioni.

Se quanto sopra riferito non corrispondesse a verità, allora perché  sono richieste costose indagini di genetica molecolare, fingendo i richiedenti  di credere che lo studio delle mutazioni del n-DNA (e del mit-DNA?), solo in parte oggi note, possano dirci chi diventerà diabetico?  A questo proposito, invito a leggere il mio datato Stagnaro Sergio. Biological System Functional Modification parallels Gene Mutation. www.Nature.com, March 13, 2008,http://blogs.nature.com/nm/spoonful/2008/03/gout_gene.html

In sostanza,  secondo le Linee Guida –  qualcuno sa chi scrive le Linee Guida? – tutti possono ammalare di T2DM, ma si richiedono esami costosi per accertare le mutazioni genetiche alla base … della negata Costituzione Diabetica! Complimenti alla Logica dei Diabetologi.

Sergio Stagnaro  Biophysical-Semeiotic Diabetic Constitution. Cyber Lecture,. www.indmedica.com, 2006,  http://cyberlectures.indmedica.com/show/60/1/Diabetic_Constitution

Stagnaro S., West PJ., Hu FB., Manson JE., Willett WC. Diet and Risk of Type 2 Diabetes. N Engl J Med. 2002 Jan 24;346(4):297-298. [Medline].

Quanto precede permette di comprendere il silenzio delle cosiddette autorità sanitarie, a cui nessun laureato in Medicina osa ribellarsi per ovvi motivi esistenziali, sul Reale Rischio Congenito di T2DM, dipendente dalla Costituzione Diabetica, diagnosticato dalla nascita con un fonendoscopio ed eliminato, a costo Zero, con la Terapia Quantistica:

Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2013).    Inherited Real Risk of Type 2 Diabetes Mellitus: bedside diagnosis, pathophysiology and primary prevention. Frontiers in Endocrinology. Front Endocrinol (Lausanne). 2013; 4: 17. Published online Feb 26, 2013. doi:  10.3389/fendo.2013.00017, http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3581808/ [MEDLINE].

Simone Caramel, Marco Marchionni and Sergio Stagnaro (2014). The Glycocalyx Bedside Evaluation Plays A Central Role in Diagnosing Type 2 Diabetes Mellitus and in its Primary Prevention. Treatment Strategies – Diagnosing Diabetes, Cambridge Research Centre, Volume 6 Issue 1, Pg 41-43. http://viewer.zmags.com/publication/0aafcae9#/0aafcae9/1

Siamo tutti d’accordo che un singolo individuo non può sapere tutto, specialmente se arrivato ad 84 anni d’età. Pertanto, ammetto, senza imbarazzo alcuno, di non capire l’atteggiamento dei Diabetologi, riferito sopra. Spero che a Porretta Terme, il 23 di maggio pv.  un autorevole rappresentate della Diabetologia mi illumini.

Diagnosi Clinica del Diabete Mellito tipo 2: una bella Realtà ignorata dai Diabetologi, e non solo.

May 7, 2015

Alla domanda “Bedside Diagnosis T2DM” Google offre circa 161.000 risultati:

https://www.google.it/search?q=bedside+diagosis+T2DM&ie=utf-8&oe=utf-8&gws_rd=cr&ei=tFpLVeTeLcj6UM3egbgI

Interessante ed illuminante è la prima pagina, in cui sono indicati 9 miei lavori su dieci References.

Il senso e il significato di quanto sopra è senza dubbio chiaro persino allo scolaretto di Gregory Bateson. Non si può negare che, anche senza ricevere risposta da Colleghi, “professori”, Ministro della Salute, Direttori di quotidiani e agenzie di informazione, da Giornalisti e nemmeno dal Presidente del mio Ordine dei Medici, il nome di chi scrive è legato indissolubilmente alla diagnosi clinica del Diabete Mellito, fatta cioè con un fonendoscopio a partire dal primo dei suoi cinque stadi: il Reale Rischio Congenito del T2DM.

Non è necessario spiegare l’importanza di riconoscere dalla nascita, in modo quantitativo, usando un comune fonendoscopio chi è predisposto alla patologia diabetica. Infatti, questa è la condizione per poter finalmente, e con poca spesa, organizzare su vasta scala, anche nei Paesi sottosviluppati come il nostro, la Prevenzione Primaria del T2DM, ben diversa dal costoso screening, i cui fallimentari risultati sono a tutti noti: il T2DM è una epidemia in continuo aumento.

Fortunatamente, i soggetti realmente predisposti al T2DM, arruolati nella prevenzione, possono guarire in breve tempo sottoponendosi alla non costosa Terapia Quantistica.

Di questo, e non solo di questo, parlerò il 23 Maggio pv. alle ore 15 nell’Auditorium dell’Hotel Santoli nella Lectio Magistralis, che terrò nel corso del V Congresso Nazionale della SISBQ. V. la locandina in www.sisbq,org

I diabetologi, che non hanno finora osato muovermi apertamente critiche, hanno la nuova occasione per farlo coram populo. Se accetteranno questo invito, saranno ascoltati da un ampio numero di Medici, non dai loro stretti, silenziosi ed ossequienti discepoli, in mia assenza.